Mar, 10/02/2009 - 13:50
Ljusi

MAXIMA DEBETUR PUERO REVERENTIA,
“Al fanciullo si deve il massimo rispetto.” (Giovenale, Satire, XIV, 47 ).

Hi guys! Oggi si parla di VOI, anzi vorrei parlare con TE di una cosa che ti riguarda da vicino, ovvero la “Carta dei diritti dei bambini”. Prima di tutto è necessario darti alcune informazioni che servono per capire di cosa sto parlando. Cos’è un diritto? Kant (filosofo tedesco del 1700) ha definito «il diritto come l'insieme delle condizioni che consentono alle decisioni di ciascuno di coesistere con le decisione degli altri, secondo un principio generale di libertà» … Perhaps.. it’s too complicated! Provo a farti un esempio: pensa a quando sei con gli amici, state giocando ad un gioco in scatola e qualcuno di voi decide di inserire delle regole diverse che potrebbero “farlo vincere”. Questo è un diritto, il tuo amico può decidere di mettere nuove regole, il problema è: fino a che punto il tuo amico può esercitare questo diritto? Kant dice che questo diritto esiste finché non è in conflitto con i diritti degli altri.
Proprio perché ci possono essere dei conflitti tra le persone (tu per esempio ti arrabbieresti se il tuo amico aggiungesse regole che lo possono far vincere facilmente) ci sono delle leggi che regolano queste e tante altre situazioni (nell’esempio, ci sono le regole scritte, le istruzioni all’interno del gioco che state usando). Well.. Detto questo, ci sono dei diritti che sono inviolabili, ovvero nessuno può dire che sono sbagliati e soprattutto nessuno può mettervi un limite. Tra questi ci sono proprio i “DIRITTI DEI BAMBINI”, cioè quelle regole che tu puoi decidere di esercitare: ritornando all’esempio, se tu volessi inserire delle regole nel gioco potresti farlo senza che gli altri si oppongano. It is clear??!! Ricorda, questi sono diritti che solo i BAMBINI possono esercitare, perché nel passato (nel 1989 e, in Italia, nel 1991), le Nazioni Unite (ovvero 186 Paesi del mondo) hanno deciso che i bambini devono avere dei diritti che nessuno può mettere in discussione. The reason??!! Anzitutto, perché i bambini, considerati “fanciulli fino a quando non hanno compiuto i 18 anni” (Art. 1 della Convenzione sui Diritti dell’infanzia), essendo più fragili e deboli, possono trovarsi in situazioni di pericolo, di malessere, di paura. Questi diritti sono stati scritti perché TU possa vincere il pericolo e sconfiggere tutte le paure! Another thing! Tutti i bambini hanno gli stessi diritti “non ha importanza il colore della pelle, né il sesso, né la religione, non ha importanza lingua parla, lo stato di ricchezza o di povertà e neppure se è disabile o meno” (Art. 2) e “il Governo e i genitori devono fare quello che è meglio per difendere il benessere del bambino” (Art. 3). Said this, tutti i bambini hanno il diritto di vivere (Art. 6), di avere un nome, una nazionalità e di conoscere i propri genitori e di essere curato da loro (Art. 7). Devi sapere che ci sono tanti altri diritti, uno di questi è legato a TE e alla TUA FAMIGLIA: “Nessun bambino dovrebbe essere separato dai suoi genitori, a meno che non sia per il suo bene (Art. 9). Purtroppo, questo diritto è stato inserito perché le famiglie non sono sempre un luogo felice, in cui i bambini vivono serenamente; ci sono delle gravi situazioni in cui, proprio per il bene dei bambini, può capitare che essi vengano allontanati dalla propria famiglia. You understand? Bene, abbiamo cominciato a parlare dei TUOI diritti, ma ci sono un sacco di altre cose che devi sapere, ma… Credo di averti già dato troppe informazioni, quindi... Lascio aperto il discorso sui diritti e, aspettando che tu mi dica cosa ne pensi, ti dò appuntamento next time … per un nuovo diritto! Bye bye dear fr3nz!


Segnala ad un amico!

Ljusi

Heby

Bero

Emy

Tomy

Aiky



Editore

EdiCreA Srl
Via Val Cannobina 6
20152 Milano